Cà dal Jacopo Pontormo

Da Wikipedia.
Jump to navigation Jump to search

C'l artìcol chè 'l è scrit in Carpśàn Emiliàn

dal Pontormo a Firèins.
'N artrât dal Pontormo in n'edisiòun dal Vìti dal Vasari.

La cà dal Jacopo Pontormo, l'è la indû 'l pitōr itagliàṅ Pontormo al stèva in dla Firèins edla prìma metê dal Sinc-sèint. La s cata in Via della Colonna a 'l sìvic 29.
A in descòr un puchîṅ al Vasari in dal só Vìti dal 1550, in dal ciacarèr edla manéra dal Pontormo 'd sarèr-es sù in cà despès per stèr un pôc in dal sùo.

«
...Venuta dunque occasione al Puntormo, mediante questi danari, di mettere mano ad acconciare la sua casa, diede principio a murare, ma non fece cosa di molta importanza. Anzi, se bene alcuni affermano che egli aveva animo di spendervi secondo lo stato suo grossamente e fare una abitazione comoda e che avesse qualche disegno, si vede nondimeno che quello che fece, o venisse ciò dal non avere il modo da spendere o da altra cagione, ha più tosto cera di casamento da uomo fantastico e soletario che di ben considerata abitura: conciò sia che alla stanza dove stava a dormire e tal volta a lavorare si saliva per una scala di legno, la quale entrato che egli era, tirava su con una carrucola, a ciò niuno potesse salire da lui senza sua voglia o saputa ... il Rossino muratore, persona assai ingegnosa secondo il suo mestiere, facendo il goffo, ebbe da lui per pagamento d’avergli mattonato alcune stanze e fatto altri muramenti, un bellissimo quadro di Nostra Donna, il quale facendo Iacopo, tanto sollecitava e lavorava in esso, quanto il muratore faceva nel murare. E seppe tanto ben fare il prelibato Rossino, che oltre il detto quadro cavò di mano a Iacopo un ritratto bellissimo di Giulio cardinal de’ Medici, tolto da uno di mano di Raffaello, e da vantaggio un quadretto d’un Crucifisso molto bello, il quale, se bene comperò il detto Magnifico Ottaviano dal Rossino muratore per cosa di mano di Iacopo, nondimeno si sa certo che egli è di mano di Bronzino, il quale lo fece tutto da per sé, mentre stava con Iacopo alla Certosa, ancor che rimanesse poi, non so perché, appresso al Puntormo. Le quali tutte tre pitture cavate dall’industria del muratore di mano a Iacopo sono oggi in casa Messer Alessandro de’ Medici figliuolo di detto Ottaviano...»
(IT)(Le Vite dal Vasari, 1550)
«
...Gnuda dòunca l'ucaśiòun a 'l Pontórem, grasi a chi sòld chè, ed tachèr a mèt'r a post la só , lò al tachèva a murèr, mo al n'fèva mìa un quêl 'd grôs. E ansi, sibèin ch'a s dgìs che lò 'l ìs e-psû spènd'r-egh dimòndi, vist ch'al psiva, e fèr na cà comda e ch'la gh'ìs avû na drìta, a s vèd però che quêl ch'al fèva, o ch'al n'psìs mìa spènder o 'n quêl 'd èter, al gh'à de più la séra dal caśamèint da òm pers in di só pinsēr e solitàri, che d'abitasiòun bèin pinsèda: cun queschè, a s sà che in dla stansa indû 'l steva a durmìr e na quelc volta a lavurèr, a s gh'andèva sù per na schèla 'd lègn che, dôp che lò 'l era intrê, al la tirèva sù cun na róda, p'r an fer gnir sù nisùn che lò 'l n'vlìs o 'l n'savìs ... Al Rusèin muradōr, persòuna asē furba sgònd'al só mistēr, fènd 'l intēr, al gh'la cavèva 'd tōr, in pagamèint p'r avér-egh mìs sù i matòun in soquànti stànsi e di èter muramèint, un quèder trôp bêl edla Madóna, che 'l Jacopo tant al gh'lavurèva atâc e tant al muradōr al lavurèva atâc ai mùr. E 'l gh'iva tant savû bèin fèr, al gustôś Rusèin che, dôp ed cal quèder chè, al gh'la cavèva ed tōr, da 'l màṅ dal Jacopo, 'n artrât dimòndi bêl dal cardinêl Giulio de' Medici, tolt śò da ùn ch'l al iva fât al Rafaêl, e incòr un quadrèt 'd un Crucifìs dimòndi bêl, che sibèin che 'l già dìt Otaviàṅ al 'l ìs cumprê da 'l Rusèin muradōr cma 'n quêl fât da 'l Jacopo, mo però a s sà per cêrt ch'l è stê fât da 'l Brunśèin, ch'al 'l iva fât tùt da per lò, màinter ch'al stèva col Jacopo ala Certosa, anca s'l era pò armêś, a n'sò mia 'l perchè, a 'l Pontórem. E tùti cal tri pitùri chè, tolti vìa da 'l lavurìr dal muradōr, da 'l màṅ dal Jacopo, incō i s caten in cà dal Sgnōr Alessandro de' Medici, fiōl dal già dìt Otaviàṅ...»
(MUD)


«
CASA DELLA CONGREGAZIONE DI S. GIOVANNI BATTISTA (Via della Colonna, N.° 6556). - Iacopo di Bartolommeo da Pontormo celebre pittore, nato il 1493 in Pontormo presso Empoli, morì di anni 65 in questa casa che si era fabbricata per abitazione e studio sopra un suolo che acquistò dallo Spedale degl'Innocenti per fiorini 100 il 15 marzo 1529... Pervenne in seguito in un certo Chiazzola, e fu poscia abitata dal valente pittore fiorentino Gregorio Pagani nato il 1558 e qui morto il 1605...»
(IT)(Pianta geometrica della città di Firenze dal Federico Fantozzi, 1843)
«
CÀ EDLA CONGREGASIÒUN ED S. ŚVÂṄ BATÌSTA (Via edla Culòuna, N.° 6556). -Al Jacopo dal Bartolomèo da Pontórem cgnusû pitōr, nê al 1493 in Pontormo śvèin a Empoli, al murìva a 65 an in cla cà chè ch'al s era fabrichê p'r abitèr-egh e c'm'un stùdi in sìm'a na tèra ch'l ìva cunprê da 'l Uśdêl dai Inosèint per 100 fiurèin al 15 ed mêrs dal 1529... L'andèva dôp in dal màṅ 'd un têl Chiazzola, e la gniva pò abitèda da 'l valèint pitōr ed Firèins Gregorio Pagani nê al 1558 e mort chè in dal 1605...»
(MUD)


Vóś lighèdi

Èter progêt

Colegamèint estèren