Wikipedia:Cóm a scréver in dialètt mudnés

Da Wikipedia.
(Reindirizzamento da Cuma scrèver in dialètt mudnés)

IN LAVORAZIOUN!!!

(manca)Manéra ed scrévver al dialètt mudnèsOrtografia del dialetto modenese (manca)esèimpiesempio (manca)traduziòunsignificato
(manca)Vochèli e mèzi vochèliVocali e semivocali
è (manca)Per un sòun e curt e avértPer un suono e breve aperto sèt sette
é (manca)Per un sòun e curt e srêPer un suono e breve chiuso néva neve
ê - èe (manca)Per un sòun e lóngh e avértPer un suono e lungo aperto suldê soldato
ê - ée (manca)Per un sòun e lóngh e srêPer un suono e lungo chiuso mê mio

ò (manca)Per un sòun o curt e avértPer un suono o corto aperto. ciòld chiodo
ó (manca)Per un sòun o curt e srêPer un suono o corto chiuso sól sole
ô - óo (manca)Per un sòun o lóngh e srê.Per un suono o lungo chiuso. incô oggi

à (manca)Per un sòun a curtPer un suono a breve cà casa
à - è - ä - ë (manca)Per un sòun di mandi curt tra la a e la ePer un suono molto breve intermedio tra la a e la e[1] Sàccia - Sècia Secchia
à - ò- ä - ö (manca)Per un sòun di mandi curt tra la a e la oPer un suono molto breve intermedio tra la a e la o[2] àmm - òm uomo
ì (manca)Per un sòun i cûrtPer un suono i corto amìgh amico
î - ìi (manca)Per un sòun i lóngh.Per un suono i lungo finî finito
ù (manca)Per un sòun u curt.Per un suono u corto. sicùr sicuro
û (manca)Per un sòun u lóngh.Per un suono u lungo. vindû venduto
(manca)ConsonântiConsonanti
-c' (manca)Per un sòun c dólz (a la fin ed la paròla).Per un suono c palatale (dolce, in fine parola). òc' occhio
-ch (manca)Per un sòun c dùr (a la fin ed la paròla).Per un suono c gutturale (duro, in fine parola). fiàch stanco
-g' (manca)Per un sòun g dolz a la fin ed la paròla).Per un suono g palatale (dolce, in fine parola). tègg tetto
-gh (manca)Per un sòun g dùr a la fin ed la paròla).Per un suono g gutturale (duro, in fine parola). gh cuoco
ss (manca)Per un sòun intermedi tra la s' e la sc italiàna.Per un suono intermedio tra la s e la sc italiana. óss porta
z (manca)Per un sòun z sord lóngh.Per un suono z sordo 'emiliano'. giàz ghiaccio
z (manca)Per un sòun z dolz curt.Per un suono z dolce 'emiliano'. zlèda gelata

s'c
s'ci - s'ce
(manca)I soun S dur e c dolz, pronunziê un a drê a cl’èter.I suoni /s/ e /ʧ/ pronunciati uno dopo l'altro. s’ciafòun
s’ciómma
ceffone
schiuma

sc
gl
(manca)I gróp sc e gl ed l’italiàn in es dróven maiLe combinazioni sc e gl non sono mai utilizzate in dialetto modenese sièr
méi
sciare
meglio


Provincia di Modena-Stemma.png Artéccol in dialètt mudnés Modena-Stemma.png

Sta pagina ché la pèrla dal règoli ch'i vinen druvèdi per scrèver in dialètt mudnés, e la citai pió impurtànt vocabolâri di'l parôl ch'a gh'è. La fa anch da pagina ed riferimèint per scrèvver dil vōż in dialètt mudnés dèinter la wichipèdia eml.

Normi ed scritùra[modifica | mudéfica la surzéia]

Al mudnés al gh'a piò varietê ed vucheli ed l'italiàn e al fa difereinza tra vucheli lònghi e curti. Per segnalerel as es drova i azeinti, ch'i ein dimondi impurtant per eviter i omografi. Purtrop, an gh'è menga una convenzioun universèl, cumpagn a eter dialètt. De piò, la scritura (e la pronunza) la cambia di paès in paès, tant ch'as pol parler ed trî varietê ed dialètt: al carpśàn, al mirandules e al frignanes; per fortuna, el varietê is capèssen l'un l'etra. Per esempi, la paróla 'cunî' la pol èser pronunzeda (e scrètta) 'cunèi (vérs la muntagna); vérs al Frares le vucheli 'è' i dveinten 'à'.

Acceinti[modifica | mudéfica la surzéia]

  • L'acceint al va obbligatoriament indichê soltant s'lè menga cèr.
  • Druver ê e î s'lé pusèbil in fin ed la paróla , ma anch èe, ée e ìi i van bein.

Vucheli intermedi[modifica | mudéfica la surzéia]

  • La scritura moderna la preferèss à, è, ù al post ed ä, ö e û
  • S'lé pussibil ed scrèvver una paróla en piò môd (Esempi: dànna, dänna, dònna, dönna) as dèv sernìren ònna e indicher quali èter in dal test come variant (es: carp., frign.) e druvèr i redirect per evitèr la frammentazioun.

Dizionàri e scrét in generèl[modifica | mudéfica la surzéia]

(da fèr)


Esèimpi ed scritùra[modifica | mudéfica la surzéia]

Ind'la tabèla ché ed sàta, (da fèr).


Italia-Stemma.png Articolo in italiano  Bandiera italiana.svg

Questa pagina si occupa di descrivere le convenzione utilizzate per l'ortografia del dialetto modenese e di fornire i principali riferimenti lessicali. Essa funge inoltre da pagina di servizio normativa per la stesura di voci in dialetto modenese all'interno della wichipedia eml.

Convenzioni di scrittura[modifica | mudéfica la surzéia]

Il modenese ha una maggiore varietà di vocali rispetto all'italiano, distinguendo tra vocali lunghe e brevi. A questo scopo si fa largo uso di accenti, utili anche per segnalare gli it:omografi. Putroppo, non esiste una grafia comunemente accettata del dialetto modenese, come accade per molti dialetti; Le convenzioni qui utilzzati sono mix estrapolate da varie fonti (pubblicazioni, giornali, cartelli esposti). Va da sè che tutte le grafie sono generalmente accettate, anche se quella considerata accettabile in questa wikipedia è di fatto quella oggiogiorno più utilizzata. Le convenzioni ortografiche che non si trovano anche nell'italiano standard sono riportate nella tabella allegata.

Si noti inoltre che la scrittura e la pronuncia varia si zona in zona, tanto da poter parlare di tre varietà dialettali ovvero il mirandolese, il carpigiano e il frignanese (o montanaro). Le tre varianti sono mutaualmente intelleggibili. Per esempio, la parola 'cunì' (conigli) può essere pronunciata (e scritta) 'cunèi (verso la montagna); allo stesso modo verso il Ferrarese le vocali come 'è' tendono a diventare 'à'.

Accenti[modifica | mudéfica la surzéia]

Il corretto uso degli accenti è indicato nella tabella a fianco; i tipi di accento sono sostanzialmente tre, ovvero acuto (è), grave (é) e circonflesso (ê).

L'accento va indicato per consentire una corretta pronuncia della parola e per evitare omografie; tuttavia vi sono dei casi in cui non è necessario, ovvero:

  • Premesso che se l'accento cade sulla vocale e o sulla vocale o và sempre segnato (cfr. tòr, toro, con tór, prendere), se la parola è monosillabica e l'accento cade sulla vocale a, i o u: man (mano), gat (gatto), lat (latte), fil (filo), ris (riso), nud (nudo), bus (buco), ecc.
  • Se la parola è bisillabica (terminante con vocale) con accento piano (ovvero sulla prima sillaba), e la vocale su cui cade l'accento è una a, i o u: vaca (mucca), sbara (sbarra), piasa (piazza), fila (fila), dura (dura), busa (buca), ecc.

L'accento circonflesso và esclusivamente in finale di parola, se la vocale è lunga: cfr. blisghê (caduto) con blisghèda (caduta). Come già detto, si può sostituire con doppia vocale, di cui la prima accentata: cfr. blisghê con blisghèe.

Vi sono inoltri vocali intermedie che creano qualche problema nel riscontro grafico: quello di Biancaneve è un pòm ròss o un pàm ràss? Il fiume emiliano è la Sàccia o la Sèccia? I due suoni che creano problemi sono, rispettivamente, [æ] e [ɑ]; il Vocabolario del Maranesi risolveva la questione introducendo le vocali intermedie ä-ë e ä-ö, per cui si aveva pöm röss (o päm räss), ma la questione non era risolta in quanto, nuovamente, si ripresentava il dubbio su quale vocale scegliere.
Attualmente, su Wikipedia, la politica accettata (per il modenese) è quella di scegliere la vocale secondo la propria pronuncia e, in caso sia il titolo di una pagina, creare un redirect con l'altra variante. È indifferente utilizzare l'una o l'altra grafia, ovvero prediligere la à (modenese di città) o la è-ò (Carpi, Sassuolo). (cfr. pàm con blèdegh)


Dizionari ed opere generali[modifica | mudéfica la surzéia]

Esempio di scrittura[modifica | mudéfica la surzéia]


Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo[3] Dichiarasiòun universêla di dirét ed l'òm
(1) Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza. (1) Tòtt i cristiàn i nàsen lébber e cumpàgn in dignitê e dirètt. I ein dutèdi ed ragiòun e d'cusèinsa e i gh'àn da cumpurtères l'un vérs cl'èter in cum s'i fóssen fradèl.

Materièl per andèregh piò in fònd[modifica | mudéfica la surzéia]

(manca)Lésta di léber e documèint impurtântLésta di lébber e documèint impurtantBibliografia ed opere di riferimento:

Léber.png
  1. Vittorio Zucconi, La mê Mòdna, Artioli Editore, (manca)Mòdna, 1985Modena, 1985
  2. Sandro Bellei, A m'arcòrd - Dizionario enciclopedico del dialetto modenese, Collezioni Modenese, 1999, (Online)
  3. Ermanno Rovatti, Grammatica del dialetto Modenese, Collezioni Modenese, 1999 (Online)
  4. Attilio Neri, Vocabolario del dialetto Modenese, Arnaldo Forni, 1981
  5. Giulio Bertoni, Profilo storico del dialetto di Modena, Leo Olshki Éditeur, 1925
  6. Ernesto Maranesi, Vocabolario Modenese-italiano, Mucchi editore, 1983, (copia anastatica dell'originale del 1646)
  7. Gùgol Ghirlandeina: http://www.webalice.it/annovi.frizio/gugolmo.htm
  8. Ernesto Maranesi, Piccolo vocabolario del dialetto modenese colla voce corrispondente italiana, 1869
  9. Giovanni Galvani, Saggio di un glossario modenese, 1868

(manca)Nôti de spiegasiòun ed la pâginaNôti in fònd a la paginaNote a piè di pagina:

Ṣbrujâs.png
  1. (manca)La ä e la ë i ein poch druvê in dal dialètt modéren, as drova piutòst la à o la è.La ä e la ë sono poco utilizzate nel dialetto moderno, sostituite dalla à o dalla è.
  2. (manca)La ä eö i ein poch druvê in dal dialètt modèren, as drova piutòst la à o la ò.La ä e la ö sono poco utilizzate nel dialetto moderno, sostituite dalla à o dalla ò.
  3. (manca)Al rèst ed la dichiarasiòun al's pōl catêr ché:Il testo completo della dichiarazione è reperibile su wikisource:it:Dichiarazione_Universale_dei_Diritti_dell'Uomo
(manca)E'v prén interesêr ânca st' al pâgini chéGuarder anchVedere anche: dialètt mudnes, léngua emiliâna-rumagnōla.
((manca)Nôta: sta pâgina ché l'é stêda inviêda cun 'na tradusiòun da :it:Dialetto modeneseNota: sta pagina chè l'é steda tradòta da :it:Dialetto modeneseNota: pagina inizialmente tradotta a partire da :it:Dialetto modenese)