Rifugê

Da Wikipedia.
Jump to navigation Jump to search

C'l artìcol chè 'l è scrit in Carpśàn Emiliàn

Soquànt rifugê in dal Camp ed Latèina tra i an Essànta e i Stanta.

Al rifugê, méj cgnusû come rifugê polìtic (rifugiato in itagliàṅ), in dal dirìt, 'l è cla persòuna ch'l'è scapèda o ch'i l'àn mandèda vìa da 'l só Paéś per di motìv polìtic, religiōś o 'd rasa o ch'la fìs pèrt ed na categorìa ed persòuni dimòndi tgnudi adrē.
In dal Paéś indû chel persòuni chè i caten ospitalitê, a s'arcgnùs al só status ed rifugê.

'L è stê in dal 1951 che la Convensiòun ed Ginévra in sìm'ai rifugê l'à definî quand è ch'a gh'è 'n rifugê, i só dirìt e la responsabilitê di Paéś ch'i 'l àn tolt dèinter. In dal só prìm Artìcol, a s in dà la definisiòun:

«
Chiunque nel giustificato timore d'essere perseguitato per ragioni di razza, religione, cittadinanza, appartenenza a un determinato gruppo sociale o per opinioni politiche, si trova fuori dello Stato di cui possiede la cittadinanza e non può o, per tale timore, non vuole domandare la protezione di detto Stato; oppure chiunque, essendo apolide e trovandosi fuori del suo Stato di domicilio in seguito a tali avvenimenti, non può o, per il timore sopra indicato, non vuole ritornarvi.»


In Itàglia la Costitusiòun l'arcgnùs al dirìt 'd aśìl in dl Art. 10, còma 3:

«
Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge.»
(IT)(Artìcol 10, còma 3 dla Costitusiòun itagliàna, 1946)
«
Al furastēr che in dal só paéś a s egh tōś vìa el libertê democràtichi che invéci la Costitusiòun itagliàna la garantìs, chelò al gh'à dirìt 'd aśìl in dal teritòri dla Repùblica, secònd el cundisiòun che la lēś l'à fisê.»

Vōś lighèdi

Un camp ed rifugê in dal Ghana.

Noti e referèinsi

Èter progèt

Colegamèint estèren