Cristina D'Avena

Da Wikipedia.
C'l artìcul chè 'l è scrit in Miranduléś Emiliàn
Cristina D'Avena mèntar l'è drē a cantàr al micròfun


«
Chi siano non lo so, gli strani ometti blu, sono alti suppergiù due mele e poco più. Noi Puffi siam così, noi siamo tutti blu, puffiamo suppergiù due mele e poco più. Vivono via da qui nell'incantata città riparata dalla terra dal deserto e dai monti e dal mar.»
(IT)(Canzone dei Puffi, 1981)
«
A n sò minga ch'i sìan lōr, i straṅ umèṅ blù, i èṅ élt a 'l incìrca dū póm o pôc da piò. Nuàtar Puf a sém acsè, a sém tut blù, a pufém a 'l incìrca dū póm o pôc da piò. I vìvan via da 'd chè in dl'incantàda sità prutéta par la tèra dal deśèrt e p'r i mònt e p'r al mâr.»
(MUD)


La Cristina D'Avena (Bulògna, 6 ad Luj dal 1964) l'è na cantànta itagliàna famóśa p'r avér cantâ dimóndi siggli ad cartòṅ animâ p'r al televiśiòṅ dal grup Mediaset. L'à publicâ soquànt àlbum e l'à vindû in tut da più ad 6 migliòṅ ad còpi.

Biugrafìa

La fà al sò debùt a tri an cantànd Il valzer del moscerino durànt al prugràma p'r i putèṅ Zecchino d'Oro.

In dal 1981 la vèṅ cuntatàda par Valeri Manera par cantàr la siggla di cartòṅ animâ ad Pnòć par la Five Record (in séguit RTI Music, incō misa dèntar a RTI s.p.a.). La fà acsè al sò debùt in dal mónd dla cansòṅ a darsèt an cun al braṅ Bambino Pinocchio.

Al sucès cumerciàl ad cal 45 gir lè al dà un cuć a la caréra ad Cristina: da alóra la n à mai śmis 'd incìdar di disc, sèmpar da putèṅ.

Dal Setémbar dal 1986 l'è la prutagunìsta par quàt'r an di telefilm ad Love me Licia, ispirâ a i cartòṅ ad Kiss me Licia.

Al sò canti più famóśi i èṅ: Pollon, Pollon combinaguai - Kiss me Licia - Occhi di gatto - L'incantevole Creamy - Mila e Shiro due cuori nella pallavolo - Il tulipano nero - Una spada per Lady Oscar e Sailor moon.

«
Pollon, Pollon combina guai, su nell'Olimpo felice tu stai, la beniamina di tutti gli Dei sei, sei tu oh oh oh Pollon, Pollon combina guai, su dai racconta quello che tu sai degli abitanti di questa città. Zeus è un nonno molto buono non si arrabbia quasi mai, se però tu senti un tuono, si è arrabbiato e sono guai...»
(IT)(Pollon, Pollon combinaguai, 1983)
«
Pollon, Pollon at fà sól di diśàstar, là sù in d'l Ulìmp cuntènta ta gh stà, tut i Dio i t vólan bèṅ, at sē tè oh oh oh Pollon, Pollon at fà sól di diśàstar, dai mò cònta-s tut quél ch'at sà 'd i abitànt ad cla sità chè. Zeus 'l è un nunòṅ dimóndi bòṅ ch'a n s arlìa quaśi mai, però s'at sènt un tròṅ, al s è incasâ e i èṅ di guài...»
(MUD)

Cristina la viṿ da sèmpar a San Lâzer, davśèṅ a Bulògna, e l'è la muróśa dal sò manager da dimóndi tèmp.