Alessandra Macinghi Strozzi

Da Wikipedia.
C'l artìcul chè 'l è scrit in Carpśàn Emiliàn
Al palàs di Stròs a Firèins, futugrafè prima dal 1908
Al stèma 'dla famìja Stròs ed Firèins

La S'gnôra Alessandra Macinghi Strozzi (Firèins 1407 - lè 1471) l' éra andèda spōśa apèina ai sô quatòrdś àn al fiurintèin Matteo Strozzi e da lò l' îva avù 9 fiō. Sô marì però al gnìva eśiliè via da Firèins in dal 1434 dai Medici e acsè al murîva ed pēsta a Péśaro cun trī di sô fiō: ch' i èter trī fiō mas'ć, turnè a Firèins cun la mèder, i gh' a'ràn da 'ndèr via da la sitè anca lōr mèinter ch' i dvintèven grand. Un ed chi fiōl chè al murirà a Nàpul in dal 1459, mèinter che chi èter dū i turnaràn indré a Firèins 'na vòlta pasèda la buféra. La màma Alesàndra la scrivìva dimòndi lèttri ai sô fiō mèinter ch' i èren vìa e infàti a gh' n' è armèś in fin ai nòster dè in dal nùmer ed 73, datèdi dal 1447 al 1470, masimamèint invièdi al fiōl piò grand Filìp là a Nàpul.

Al studiōś Cesare Guasti (1822-1889), in dla sô publicasiòun dal 1877 ed Lettere di una gentildonna fiorentina del secolo xv ai figliuoli esuli al s' à fat e-cgnùser cal mònd lè d' afèt e d' ragiunamèint famiglièr dal Quatersèint.


«
A Filippo degli Strozzi, in Napoli. Al nome di Dio. A dì 24 d'agosto 1447. Carissimo figliuolo. A dì passati ebbi una tua de' 16 di luglio, alla quale farò per questa risposta. E 'n prima t'avviso come, per grazia di Dio, abbiàno allogata la nostra Caterina al figliuolo di Parente di Pier Parenti, ch'è giovane da bene e vertudioso, ed è solo, e ricco, e d'età d'anni venticinque, e fa bottega d'arte di seta; e hanno un poco di stato, ch'è poco tempo che 'l padre fu di Collegio. E sì gli do di dota fiorini mille; cioè, fiorini cinquecento ch'ell'ha avere di maggio nel 1448 dal Monte; e gli altri cinquecento gli ho a dare, tra danari e donora, quando ne va a marito; che credo sarà di novembre, se a Dio piacerà...»
(IT)(Lettera di Alessandra al figlio Filippo, 1447)
«
A Filìp dla famìja di Stròs, in Nàpul. In dal nòm ed Nòster S'gnōr. In dal 24 d' agòst dal 1447. Al mé fiōl carìs'm. In chi dè chè a 'îva avû 'na tô lettra dal 16 ed lùj, a la quèla a t' vègn a r'spònder. Prima 'd tùt a t' infōrèm 'd cùma, se Dio 'l vōl, a-j-'òm àcaśè la nostra Cat'rèina al fiōl ed Parèint ed Pier Parèint, ch' l' è un brèv śōven e pìn ed virtù, l' è da per lò, l' è pìn ed bési, al gh' à vèint-sìnc an e al lavōra la séda; i an tòlt 'na puśisiòun ch' a nn' è mìa dimòndi, perché 'l pèder l' è stê in dal Coléģ incòri da pòc tèimp. Acsè a gh' dàg mìl fiurèin ed dòta; ciuè chi sincsèint che lē la gh' à d' aver dal Mòunt in dal màģ 1448; e chi èter sincsèint ch' a gh' darò, tra bési e dunòra, quand l' andrà a marì, ch' a duvrèv èser in nuvèmber, se Dio 'l vrà...»
(MUD)


'Na v'dùda 'd Firèins cuma l' éra in dal 1490

Bibliugrafìa

  • Guasti Cesare (1822-1889) :
    • Lettere di una gentildonna fiorentina del secolo xv ai figliuoli esuli (Firenze: G. C. Sansoni, 1877) Macinghi Strozzi, Alessandra, 1407-1471;
    • Lettere di una gentildonna fiorentina del secolo xv ai figliuoli esuli. Una lettera della Alessandra Macinghi negli Strozzi in aggiunta alle Lxxii (Firenze: Licosa Reprints, 1972, 1877, 1890).

Culegamèint estèren